27 aprile – Luna Piena in Scorpione

LUNA PIENA IN SCORPIONE, 7 maggio 2020: NON TEMERE, SONO QUI CON TE - Sentiero astrologico

La luna piena di forma alle 4:31 a.m. di martedi 27.04, monento di picco della sua influenza gia presente nella settimana che la precede e che durerà fino a 1 o 2 giorni dopo.

La luna piena oppone il sole in toro alla luna in scorpione configurati entrambi con l’asteroide vesta in vergine in un aspetto chiamato “talete”.

La luna in scorpione dice:

“CIO CHE E’ FALSO MUORE, CIO CHE E’ VERO DURA IN ETERNO”

Vesta è un pianeta che porta il FUOCO DELL’UNIONE e rivoluziona le relazioni, o  qualsiasi altra forma di legame: materiale, emozionale, visibile, invisibile.

Lo scorpione ci porta sempre chiarezza su ciò che è finito, concluso, ciò che avremmo dovuto lasciare andare e a cui invece abbiamo concesso di perdurare oltre il tempo; allo stesso modo ci fa rendere conto di quello che invece non potrà mai terminare perche ha a che fare con la natura può profonda e verace del nostro essere.

Lo scorpione ci da l’energia del distacco da ciò che è ridotto a maschere, dipendenze, attaccamenti, ambiguità,  sotterfugi, ci porta un sana ventata di “non attaccamento” e “non possesso” che ci permette di svincolarci e chiudere oppure trasformarci e riniziare un nuovo ciclo lasciando andare il passato.

Allo steso tempo ci fa scoprire le vere unioni, quelle che non dipendono da niente di esteriore perche indistruttibili, come il vero amore, la condivisione e l’amicizia disinteressata, l’appartenenza per affinità elettiva e non condizionata da nessun secondo fine o bisogno di rassicurazione emotiva o materiale.  Permette di ricongiungere quei  legami che erano già di per se indissolubili perche esistono  aldila della forma esteriore.

In pratica sta morendo in noi tutto un modo condizionato e falso di rapportarsi al mondo e sta emergendo la verità sacra di chi siamo che non accetta piu quei compromessi.

Solo con quella verità che è potere e forza possiamo unirci davvero. Senza cercare altro che il senso di unione. Tutto il resto puo morire nei giorni precedenti o successivi alla lunazione.

A cosa sentiamo di appartenere davvero? Questa luna ci spoglia delle divise sociali, di tutto ciò che ha avuto il suo corso e che ci stiamo trascinando ancora dietro: o perche non volevamo staccrci, o perche ci faceva comodo, o perche ci rassicurava in qualche modo. Ma ora ci accorgiamo quanto noi NON SIAMO  quel bisogno di rassicurazione, NON SIAMO quel passato che ha continuato a muoverci. Ora è tempo di chiudere, si concludere un ciclio, di dimenticare, svincolarci da quelle situazioni, da persone o ambienti, di chiudere un capitolo, di perdonare a tutti i livelli se stessi e gli altri e rinascere con un modello totalmente sincero e”nudo”. E’ la rinascita del fuoco che collega se stessi a tutto il creato, che ci fa sentire appartenenti al cosmo e figli del cosmo: ad un livello in cui la nostra anima ritrova la sua sacra famiglia, la sua casa, il suo focolare, al di la di tutto. . Quel fuoco, così purificato, potrà poi essere portato nella coppia, nella famiglia reale, dal gruppo, nella società. E’ lo stesso fuoco  che veniva custodito nel tempio di vesta, a Roma, che rimase acceso dai tempi di Romolo fino agli ultimi imperatori. E’ quel fuoco ancestrale che adesso la luna sta riaccendendo in noi per farci diventare fondatori di una vera unione, il cui primo passo è interiore, e poi col resto del mondo.

Dividendo allo stesso tempo la cerchie esoterica da quella essoterica, ci fa sentire ogni connessione aldila del tempo e dello spazio, l’amore come “eterno” e conduce nei mondi invisibili, extrasensioriali, medianici, magici… ognuno a suo modo.

Buona luna

Alessandro Pandolfi

www.astrologiaquantistica.it

Per consulti individuali scrivimi a astrologiaquantistica@gmail.com

Condividi l'articolo su Facebook:

Lascia un commento